Odontoiatra in Centro a Milano
La pulpite e il dolore del mal di denti

Veterinario a domicilio in centro a Milano

la pulpite e il dolore del mal di denti

senti cosa dicono di noi i nostri pazienti:
Dentista d'eccellenza in centro a Milano
‟Ad oggi, ho ancora in bocca tutti i miei denti, quando invece altri mi avevano prospettato di levarli.
Grato e soddisfatto del Dott. Bittante e del suo staff!"
Davide
Dentista d'eccellenza in centro a Milano
‟Ho cominciato a perdere i denti, e ho quindi chiesto subito aiuto al Dott. Bittante.
Mi ha curata, e non ho perso mai più un dente! Grazie Dottore!"
Marina
Dentista d'eccellenza in centro a Milano
‟Ho salvato tutti i miei denti, e mi posso vantare di un sorriso che cerco di mostrare in ogni occasione!
Ringrazio la cura e la dedizione che tutto lo staff mi ha dedicato!"
Alice
Immagini di interventi medici odontoiatrici
ATTENZIONE
La pagina che stai per leggere può contenere immagini mediche e diagnostiche di patologie e terapie, che potrebbero essere non adatte ad un pubblico particolarmente sensibile.
Sommario della paginaSommario della pagina [NASCONDI]
Condividi questa pagina

Gianluigi Bittante - MioDottore.it
Dentista in centro a Milano

il ‘mal di denti’ è un male antico e ben temuto dall’uomo.
Il dolore dentale, causato da un problema ai tessuti interni dei denti, è un ‘male storico’, ben raffigurato e documentato nel corso di tutta la storia umana, di qualsiasi civiltà e in qualsiasi contesto sociale.

l’intenso dolore dentale, solitamente frutto dell’attività di una carie, è spesso descritto come insopportabile, uno dei più grandi e acuti mali che un essere umano possa provare, paragonabile solo ad una colica renale.

Vuoi contattarci d'urgenza?
Lasciaci il tuo numero e ti chiameremo subito!

le cause di tale dolore acuto possono essere molteplici, ma l'origine è sempre e solo una: l'infiammazione acuta della pulpa dentale, ossia il tessuto centrale di ogni dente, che lo rende 'vivo' e, per l'appunto, sensibile anche al dolore.
Leggi dunque questa pagina per scoprire cos’è la pulpite, il nome scientifico del ‘mal di denti’, da cosa è causata e come si manifesta, nonché come si può risolvere.

Cos’è la pulpite, e perché origina il ‘mal di denti’?

Dentista in centro a Milano

il mal di denti altro non è che il nome comune della pulpite, cioè l'infiammazione acuta della polpa dentale

La pulpite è l’infiammazione acuta della polpa dentale, ovverosia la camera interna presente in ogni dente dove sono contenute le terminazioni nervose e i piccolissimi vasi (sia arteriosi che venosi), che rendono per così dire ‘vitale’ l’elemento dentale.

il compito principale della camera pulpare è dunque proprio quello di rendere vitale il dente, assicurando diverse funzioni essenziali, quali:

  • La dentinogenesi, ossia la produzione delle cellule della dentina (la sostanza che ricopre la camera pulpare e che si trova proprio sotto lo smalto);
  • Ossigenazione, vascolarizzazione e mineralizzazione di tutto il dente, grazie ai sottilissimi canali chiamati tubuli dentinali, che partono proprio della polpa dentale e permeano tutta la dentina;
  • La sensibilità dentale al freddo, al caldo e al dolore

La camera pulpare è contenuta all’interno della corona dentale (la parte visibile del dente, che serve per la fonetica e la masticazione), e si allunga, senza soluzione di continuità, dentro le radici dello stesso, percorrendole tutte e congiungendosi al circolo ematico e nervoso all’apice radicolare, dove il dente è ancorato saldamente all’osso per mezzo del cemento dentale.

La camera pulpare ha una caratteristica curiosa: si forma assieme al dente durante la gemmazione, è molto grande e posizionata quasi al centro della corona nei denti dei bambini e dei ragazzi, mentre si restringe e si sposta verso la base radicolare negli adulti.
Essenzialmente, la camera pulpare dei soggetti adulti è quindi una forma atrofizzata di quella originaria.

La pulpite è quindi uno stato infiammatorio della polpa dentale, causato nella maggior parte dei casi da un attacco batterico trascurato (una carie dentale) o, in qualche caso, anche da traumi e incidenti prettamente meccanici del dente (contusioni, rotture, scheggiamenti, ecc.).

Perché la polpa dentale si infiamma?

Dentista in centro a Milano

se non curata, la carie dentale lentamente arriva alla polpa, mandandola in necrosi

La polpa dentale è, in situazioni di normalità, ben protetta dalla dentina e dallo smalto dentale che ricopre tutta la corona.
Grazie alla durezza dello smalto, la sua totale impermeabilità e, se non danneggiato da acidi, la sua ottima protezione contro la flora batterica, la camera pulpare è isolata dal contatto con qualsiasi elemento esterno.

questo isolamento, comunque, permette alla camera pulpare di essere a conoscenza di ciò che sta accadendo al dente, grazie alla sensibilità dentale garantita dai nervi connessi ai tubuli dentinali, che arrivano fino alla giunzione smalto-dentina.
Tuttavia, proprio questo sistema di connessione basato sui sottilissimi tubuli dentinali rappresenta un canale che, se percorso dai batteri, può portare senza sforzo direttamente in polpa dentale.

quando l’acido prodotto dalla fermentazione batterica intacca lo smalto e inizia il processo cariogeno, la dentina è in breve tempo attaccata e colonizzata dai batteri, che dentro di essa si nutrono e prolificano, portando alla lenta putrescenza dei tessuti interni.
Percorrendo la rete degli odontoblasti, i batteri scavano sempre più nella dentina, arrivando sino alla camera pulpare.

anche se i batteri non raggiungono direttamente la camera pulpare, essa può comunque infiammarsi per via della contaminazione con le tossine prodotte dagli stessi, anch’esse in grado di raggiungere la polpa attraverso i tubuli dentinali.

quando l’infezione batterica si avvicina di molto alla camera pulpare, essa dapprima inizia con i primi sintomi tipici della carie evidente (sensibilità aumentata al freddo e, soprattutto, al caldo, dolore quando si masticano cibi dolci o acidi) e poi con la vera e propria pulpite, cioè l’infiammazione acuta della polpa.

La pulpite può essere reversibile o irreversibile, a seconda del grado di penetrazione della carie: è reversibile quando questa ancora non si è infiammata in modo cronico, è irreversibile invece quando l’infiammazione ha portato un ingrossamento irriducibile dei nervi e dei legami vascolari che formano la polpa.
Ciò solitamente accade quando la carie è trascurata per molto tempo, non si effettuano controlli regolari dal dentista e si ignorano i primi sintomi di una polpa che avvisa di essere ‘in sofferenza’.

La pulpite irreversibile è la causa del ‘mal di denti’, ossia di un dolore atroce (definito spesso come lancinante) frutto proprio dell’ingrossamento infiammatorio cronico della polpa dentale.

Perché la pulpite è così dolorosa?

Dentista in centro a Milano

La camera pulpare, come detto in precedenza, non ha sbocchi diretti verso l’esterno.
Quando è infiammata dall’attacco batterico, i nervi e i piccoli vasi contenuti al suo interno reagiscono violentemente, causando un aumento di volume dei suoi tessuti, con la produzione anche di leucociti (anticorpi).
Il problema è che la struttura rigida del dente non può assecondare questo rigonfiamento, e la camera pulpare quindi viene ‘compressa’ in uno spazio confinato.

ciò causa il tipico dolore pulsante del mal di denti, che peggiora a contatto con cibo o liquidi caldi (per via della naturale vasodilatazione) o quando si riposa in posizione orizzontale.
Il dolore della pulpite acuta è straziante: cambia da soggetto a soggetto e dipende dal dente compromesso, ma solitamente è definito come un acuto e lacerante ‘strappo’ che s’irradia dal dente malato sino ad ampie zone del volto, come la fronte, il mento, l’orecchio, la mascella e, a volte, persino alla regione temporale.

il dolore della pulpite è caotico, intermittente e non prevedibile: può colpire in qualsiasi momento e, sebbene peggiori sicuramente col caldo o con la posizione orizzontale, può straziare il paziente senza uno stimolo preciso.
Il dolore è talmente acuto che, alla lunga, il paziente perde l’esatta e precisa locazione d’origine, e il male s’espande anche ad altri denti, rendendo difficoltosa l’identificazione del dente effettivamente compromesso.

La pulpite cronica solitamente non ha vita lunga: anche il paziente più renitente, spossato dall’atroce dolore, giocoforza è costretto a recarsi d’urgenza dall’Odontoiatra, e quindi a trattare finalmente l’infezione.
Nei casi in cui, comunque, il soggetto si dimostri particolarmente stoico ed irriducibile nel farsi curare, il dolore della pulpite è destinato col tempo ad alleviarsi, per concludersi spontaneamente.
Ma è solo un apparente periodo di quiete: la cessazione del dolore implica infatti la morte (necrosi) dei tessuti della polpa, distrutti dall’attacco batterico.

con la morte della polpa, i batteri hanno quindi il via libera per invadere tutto il canale radicolare, infettandolo ed arrivando sino all’apice della radice, dove possono dar luogo ad infezioni croniche come granulomi, cisti, ascessi e, in casi ormai rari, persino setticemie.

Come si cura il mal di denti causato dalla pulpite?

Dentista in centro a Milano

La cura per la pulpite dipende dalla reversibilità dell’infiammazione, ma in entrambi i casi non può prescindere da un intervento diretto ed incisivo da parte dell’Odontoiatra.
L’infiammazione della camera pulpare non regredisce naturalmente, e non risente dell’azione degli antibiotici.

anche l’uso di antinfiammatori ha effetto solo temporaneo, e pressoché quasi totalmente analgesico: finito tale effetto, il dolore riprende, poiché la camera pulpare irreversibilmente ingrossata non rientra nelle dimensioni originali.

un intervento fattivo del dentista è quindi indispensabile per risolvere definitivamente il mal di denti causato dalla pulpite.
Ora dunque andremo a vedere gli interventi risolutivi, sia in caso di pulpite reversibile che irreversibile.

Curare la pulpite reversibile: l’otturazione dentale

Dentista in centro a Milano

l'otturazione dentale è la cura più semplice per la carie, che preserva e conserva il dente naturale

se la carie è negli stadi iniziali, cioè ha perforato già lo smalto ma né i batteri e né le tossine da essi prodotte non hanno raggiunto ancora la camera pulpare, l’intervento curativo prevede l’asportazione di tutto il materiale infetto, la bonifica dei tessuti ancora sani e la sigillatura della dentina con la ricostruzione della corona ormai putrefatta.

tale intervento si chiama otturazione dentale, ed è eseguito dall’Odontoiatra a livello meccanico, asportando fisicamente i tessuti infetti con gli strumenti classici (trapano elettrico, curette, scalers, ecc.) e, volendo, aiutandosi anche con il laser odontoiatrico.

dopo aver rimosso il tessuto infetto e aver adeguatamente pulito tutta la dentina adiacente ad esso, il dentista provvede alla ricostruzione del dente mediante il materiale ritenuto più opportuno.
Solitamente, attualmente una sostanza composita in resina è utilizzata per tale scopo, ma possono essere utilizzate anche composti in amalgama metallica (ad esempio, l’oro), intarsi in porcellana o, se la struttura del dente è già molto compromessa, anche intere corone in materiale sintetico (ceramica, zirconio, disilicato di litio, ecc.).

quale che sia la soluzione utilizzata, la cura del dente così attuata ha il pregio di mantenere ancora vitale l’elemento: la camera pulpare, non più stimolata dall’attacco batterico, torna alla regolare funzionalità, non provocando più dolore al paziente.

questo trattamento riesce solo se la carie, va ribadito, non ha ancora fisicamente causato un ingrossamento irreversibile della polpa.
In caso contrario, sarà necessario procedere con un trattamento più invasivo, che andremo ora a vedere.

Curare la pulpite irreversibile: la pulpectomia

Dentista in centro a Milano

quando la carie o le tossine batteriche conseguenze di essa sono arrivate direttamente in polpa, causandone un’infiammazione cronica e un aumento irreversibile delle dimensioni, oppure è addirittura morta per necrosi, l’unico intervento possibile per salvare il dente ed evitarne l’altrimenti necessaria estrazione è la pulpectomia, ossia l’asportazione della polpa dentale.

con tale tecnica, eseguita solitamente in urgenza e in grado di far cessare immediatamente il dolore del mal di denti, il dentista rimuove tutto il materiale della polpa (vasi e terminazioni nervose, con l’eventuale tutto materiale infetto), asportandola tout-court tramite gli appositi strumenti meccanici.

l’intervento, eseguito in anestesia locale e quindi indolore, risulta subito benefico per il paziente che, senza più la terminazione nervosa infiammata, è quindi liberato dall’atroce dolore della pulpite.

Dentista in centro a Milano

La pulpectomia però non può concludere il trattamento: la camera pulpare, anche se rimossa, è comunque un accesso privilegiato all’attacco di altri batteri, che possono così invadere tutto il canale radicolare.
La soluzione a questo problema è data dal trattamento immediatamente consequenziale alla pulpectomia, cioè la cura canalare.

specialistica regina dell’Endodonzia (la parte di Odontoiatria che studia e tratta i tessuti interni dei denti), la cura canalare, chiamata anche devitalizzazione, permette al dente ormai non più vitale di continuare a rimanere in sede, evitandone l’estrazione.
Finita la cura canalare, il dente può poi essere ricostruito ed otturato, oppure incapsulato con una corona sintetica.

La pulpite può regredire con cura antibiotica?

come detto in precedenza, no.
Una volta che la polpa è irrimediabilmente infiammata e compromessa, non c’è cura farmacologica che possa riportarla allo stato originario.
In aggiunta, l’infezione batterica causata dai tessuti putrefatti della carie non può essere risolta con l’uso di antibiotici, ma va asportata fisicamente.

La pulpectomia è dolorosa?

Dentista in centro a Milano

la rimozione della polpa dentale non è assolutamente dolorosa, in quanto eseguita in anestesia locale

assolutamente no.
Viene eseguita in anestesia locale, per cui è totalmente indolore.
L’intervento di asportazione dei nervi e dei vasi pulpari è poi eseguito in pochi minuti dall’Odontoiatra.
Dopo l’intervento e la fine dell’anestesia, una volta asportato il nervo infiammato, cessa anche il dolore lancinante della pulpite.

al massimo può rimanere un certo indolenzimento del dente e dell’osso alveolare, ma ciò è considerato normale, e tende a sparire nel corso delle sedute di cura canalare, per poi regredire totalmente.

Ci sono alternative alla pulpectomia, per non devitalizzare il dente?

Dentista in centro a Milano

sì, solo una, ma non è piacevole: l’estrazione dentale.
Che poi è stata, per secoli, l’unica arma a disposizione dell’uomo per trattare la pulpite irreversibile causata dalla carie.

una soluzione che, attualmente, è riservata esclusivamente come extrema ratio, solo nei casi in cui la carie ha ormai irrimediabilmente compromesso tutta la struttura portante del dente, con danneggiamenti irreparabili alle radici o una gravissima infezione dell’osso alveolare.

La pulpite può causare un ascesso dentale?

L’ascesso dentale è spesso una conseguenza di una pulpite non trattata per tempo: la polpa in necrosi permette ai batteri di risalire il canale radicolare, arrivando fino all’apice e dando luogo alla formazione di granulomi, cisti o ascessi.
Quando il dente fa male, col tipico dolore pulsante della pulpite, solitamente si è comunque ancora in tempo per eseguire una pulpectomia e la cura canalare, evitando la formazione di un ascesso.

Quanto costa una pulpectomia?

La pulpectomia è solitamente inclusa nel piano terapeutico, e anche relativo prospetto economico, di una cura canalare, alla quale va comunque sempre associata.

i costi possono variare a seconda della città e dello studio dentistico, ma generalmente bisogna sempre tenere in considerazione il grande vantaggio economico, nonché funzionale, che comporta il conservare il proprio dente naturale in bocca.
Un vantaggio sostanziale e primario, considerando che l’alternativa (l’estrazione dentale con il successivo impianto) oltre ad essere molto più lunghe complessa è anche molto più costosa.

La pulpite può essere prevenuta?

sì, e la sua prevenzione viaggia parallela a quella della carie.
Datosi che proprio la carie dentale è la prima causa dell’infiammazione della polpa, la prevenzione è conseguente, e si basa sulla scrupolosa igiene orale quotidiana domestica (specie dopo i pasti principali) e sui controlli periodici dal dentista, con le relative pulizie professionali.

Hai un mal di denti improvviso ed urgente a Milano? Siamo qui per aiutarti

Dentista in centro a Milano

dal 1955, ci prendiamo cura dei vostri denti a milano

Lo Studio Dentistico Bittante è un moderno studio odontoiatrico, specializzato negli interventi urgenti di pulpectomia.
Il team specialistico di Endodonzisti formato personalmente dal Dott. Gianluigi Bittante è in grado di operare d’urgenza in qualsiasi situazione, eseguendo pulpectomie e cure canalari anche in condizione di criticità, senza appuntamento pregresso.

dal lunedì al venerdì di ogni settimana, e previo appuntamento telefonico nei giorni festivi, lo Studio Dentistico Bittante è a tua disposizione nella storica sede in centro a Milano, per darti un aiuto immediato col tuo mal di denti.
Lo studio è attrezzato con i più moderni macchinari diagnostici, come l’ortopanoramica in Cone Beam per la diagnosi immediata della carie dentale, nonché del microscopio operatorio presente in ogni sala operativa.

gli Endodonzisti dello studio possono risolvere velocemente e senza fastidio il tuo mal di denti causato dall’infiammazione della polpa, dandoti subito un rapido e benefico sollievo.

siamo qui a tua disposizione per aiutarti, soprattutto nelle situazioni d’emergenza, perché sappiamo che il mal di denti è un dolore insostenibile, e vogliamo davvero fare di tutto affinché tu stia bene.
E facciamo questo sin dal 1955.

Dentista in centro a Milano
Dal 1955, il tuo dentista in Centro a Milano.
Dentista in centro a Milano
Quindi ricorda che...
  • Il mal di denti è un’algia (dolore) insopportabile, spesso a natura intermittente, dato sovente dall’infiammazione cronica della polpa dentale (pulpite);
  • La pulpite può essere reversibile o irreversibile;
  • La pulpite è quasi sempre causata da un attacco di origine batterica, in cui i tessuti interni del dente sono lentamente putrefatti dalla carie;
  • Possono esserci anche pulpiti asintomatiche (spesso causate da traumi), che portano alla lenta necrosi della polpa dentale;
  • La pulpite reversibile è causata da una carie non troppo profonda, i cui batteri non sono ancora arrivati a contaminare la polpa dentale;
  • Una volta irreversibilmente infiammata ed ingrossata, la polpa dentale non può più ritornare alla dimensione originale, neppure sotto cura antinfiammatoria o antibiotica;
  • La pulpite irreversibile causa un dolore lancinante, insopportabile, spesso pulsante e che s’irradia in ampie zone del viso;
  • Il dolore della pulpite acuta è uno dei più grandi dolori che un essere umano possa sopportare, e necessita sovente di cure urgenti ed immediate;
  • La pulpectomia è l’intervento d’urgenza in grado di eliminare subito il dolore acuto della pulpite;
  • La pulpectomia deve essere seguita da opportuna cura canalare;
  • L’otturazione dentale e la bonifica dei tessuti putrefatti dalla carie è l’intervento meccanico in grado di risolvere la pulpite reversibile;
  • La prevenzione della pulpite viaggia di pari passo con la prevenzione della carie
ti potrebbero interessare anche i seguenti contenuti:
i nostri pazienti, la nostra famiglia:
Dentista d'eccellenza in centro a Milano
‟Ad oggi, ho ancora in bocca tutti i miei denti, quando invece altri mi avevano prospettato di levarli.
Grato e soddisfatto del Dott. Bittante e del suo staff!"
Davide
Dentista d'eccellenza in centro a Milano
‟Ho cominciato a perdere i denti, e ho quindi chiesto subito aiuto al Dott. Bittante.
Mi ha curata, e non ho perso mai più un dente! Grazie Dottore!"
Marina
Dentista d'eccellenza in centro a Milano
‟Ho salvato tutti i miei denti, e mi posso vantare di un sorriso che cerco di mostrare in ogni occasione!
Ringrazio la cura e la dedizione che tutto lo staff mi ha dedicato!"
Alice
Contatta i dentisti dello Studio Bittante,
sono qui per aiutarti.
In centro a Milano, sin dal 1955.
* Compila il modulo, oppure chiama lo 02.76.02.35.75 *
Tutti i campi con * sono obbligatori

Questo modulo è sicuro e protetto contro i bot da Google ReCAPTCHA